Se non visualizzi correttamente questo messaggio, clicca qui.

Italvinus settembre 2019

I mille lati nobili del Dolcetto

Per molti è il vino piemontese da pasto. Ed è vero. Per i locali, è il vino della tradizione. Un monumento. Oggi, il Dolcetto è questo e molto altro ancora. Un vino di delicata struttura, profumi fruttati, ideale equilibrio fra acidità e morbidezza: un vino sempre pronto, insomma.

Il Dolcetto, che deve il nome al caratteristico sapore delle uve, generalmente povere di acidi, è infatti un vitigno estremamente poliedrico: strutturato ad Alba e Ovada, fine e sottile a Diano d'Alba e nelle Langhe Monregalesi, morbido ed elegante ad Asti e Acqui. Non solo: apprezzato prevalentemente da solo acciaio, spesso viene oggi nobilitato con un tocco di legno. E, ancora, oggi se ne identificano sempre più spesso i migliori cru, non più solo riservati al nobile Nebbiolo, ma anche al più popolare Dolcetto.

In Piemonte, almeno cinque denominazioni gli sono dedicate. Tutte a Sud, tra Langhe e Monferrato, in un fazzoletto di molteplici espressioni che racconta l'incredibile varietà del patrimonio vinicolo italiano.

Alba, il classico, l'austero

G.D. Vajra Dolcetto d'Alba Coste & Fossati 2017

Dogliani, l'elegante, lo sfaccettato

Marziano Abbona Dogliani Papà Celso 2017

Ovada, il potente, il muscolare

Cascina Bretta Rossa Ovada Tajà 2015

Diano d'Alba, il sussurrato, l'emozionale

Alario Diano d'Alba Sorì Costa Fiore 2017
Vedi tutti i nostri Dolcetto
Cancellare Newsletter

Via Politi 11 - 20090 Trezzano sul Naviglio (MI - Italia) - Telefono: (+39) 02 445 5353 - info@italvinus.it
© Italvinus 2012-2019